Coronavirus, una scultura donata al Civile per l’assistenza ai pazienti

L'artista Antonio Ciaccio con il suo gruppo donerà una statua di 4 metri all'ospedale più impegnato in Europa.

(red.) Un simbolo per ricordare quanto quelle stanze e quei medici, infermieri e operatori sanitari sono stati fondamentali nell’assistenza ai pazienti affetti dal Covid-19 nei due mesi più drammatici della pandemia nel bresciano, come il periodo tra marzo e aprile. Per questo motivo, come dà notizia il Giornale di Brescia, sarà realizzata una statua di marmo da donare all’ospedale Civile.

La struttura è stata la più impegnata a livello europeo sul fronte dell’emergenza sanitaria nelle fasi più acute, tanto da contare 3 mila pazienti seguiti nei vari reparti e 300 finiti in terapia intensiva nei giorni e nelle settimane in cui si faticava a recuperare stanze e posti letto.

L’artista Antonio Ciaccio con il suo gruppo di Brera, come riporta il quotidiano bresciano, donerà una statua di marmo dell’altezza di quattro metri. Ancora non è chiaro nei dettagli di cosa si tratterà, mentre si sta anche valutando la posizione dove installarla, forse nella piazza esterna rispetto all’ingresso principale del Civile.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.