Lotta al coronavirus, arrivato il laboratorio donato da Shenzen

1.500 mq con kit per i tamponi e un valore di 600 mila euro a Montichiari. Possibile nuova ondata a dicembre.

(red.) E’ arrivato ieri, mercoledì 20 maggio, all’ospedale Civile di Brescia e in vista di essere inviato a quello di Montichiari, il laboratorio donato dalla città cinese di Shenzen per le diagnosi a livello molecolari. La struttura, con una superficie di 1.500 metri quadrati e alcune migliaia di kit per effettuare i tamponi, ha un valore di 600 mila euro e viene messo a disposizione del laboratorio di Microbiologia e Virologia dell’Asst del Civile diretto dal professore Arnaldo Caruso.

La nuova strumentazione era stata annunciata qualche mese fa e solo ieri è giunta a destinazione nell’ambito di un polo, quello bresciano, che attraverso l’Università degli Studi e proprio il Civile punterà a diventare un modello nella ricerca sul Covid. Tanto che dallo stesso ateneo fanno sapere di aver creato una vera e propria banca dati e praticando esperienza.

Dal laboratorio condotto dal professore Caruso, al quale ora si aggiunge anche quello di Montichiari, fanno sapere dell’esigenza di una strumentazione del genere in vista anche di una possibile seconda nuova ondata soprattutto nei prossimi dicembre o gennaio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.