Coronavirus: il modello Brescia per le bombole di ossigeno

Trovato un sistema per recuperare, ricaricare e rifornire i pazienti più bisognosi. Sistema virtuoso per la nostra città.

(red.) La Protezione Civile del Comune di Brescia partecipa attivamente, con i volontari del Gruppo Val Carobbio, dell’Associazione Paracadutisti Onlus e del Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta, alla rete di collaborazione per la consegna delle bombole d’ossigeno promossa da Ordine dei Medici di Brescia, Ats Brescia e da Atf – Associazione dei Titolari di Farmacia.
Il 30 marzo scorso Ats di Brescia e Atf hanno lanciato un appello ai veterinari e agli odontoiatri che hanno bombole di ossigeno inutilizzate perché le mettano a disposizione per far fronte all’emergenza. Le bombole vengono raccolte e stoccate nella sede della azienda Eredi Bonomi Mario di via Reverberi 24, che ha messo a disposizione il proprio deposito, specifico per i gas.

 

Le bombole sono gestite dall’ Associazione dei Titolari di Farmacia che le destina dove è necessario. Le farmacie territoriali, nel caso di una prescrizione di ossigeno, a seconda della quantità richiesta e della propria giacenza, consegnano le bombole di cui dispongono oppure ne fanno richiesta al proprio fornitore. Se quest’ultimo riesce a consegnare le bombole in tempo utile, la farmacia effettua la consegna dell’ossigeno richiesto. Qualora invece i tempi di risposta del fornitore siano troppo lunghi e l’assistito abbia necessità indifferibile di ossigeno, la farmacia contatta l’Associazione dei Titolari di Farmacia per la consegna delle bombole che si trovano nel deposito. La Protezione Civile del Comune di Brescia provvede poi a portare la bombola dal deposito al domicilio della persona interessata.

Le Forze di Polizia, con la collaborazione del Comando provinciale dei Vigili del Fuoco, provvedono poi a riportare le bombole al punto di raccolta dell’azienda Eredi Bonomi che si occupa di sanificarle e di farle riempire. Alla fine dell’emergenza le bombole saranno restituite piene ai proprietari.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.