Civile, Poliambulanza e Asst Garda: rinforzi contro il Covid-19 fotogallery

Il massimo ospedale cittadino è diventato il primo in Lombardia per il numero di ricoverati da coronavirus.

(red.) Nuove forze in aiuto all’azienda socio sanitaria del Garda, altre all’ospedale Civile di Brescia e nuovi letti di terapia intensiva alla Poliambulanza. La rete degli ospedali in provincia nella lotta contro il coronavirus continua ad organizzarsi. Per esempio, al Civile attualmente, come dà notizia il Giornale di Brescia, sono attivi 105 tra anestesisti e rianimatori e per 4.500 addetti. Ma a fronte di oltre 300 dipendenti che sono risultati infettati e quindi hanno dovuto abbandonare le corsie.

In attesa dell’apporto dei polacchi che saranno operativi da oggi, martedì 31 marzo, resta ancora da capire come sarà invece impiegata la delegazione albanese. Intanto, il massimo ospedale cittadino è diventato quello che in Lombardia ospita il maggiore numero di ricoverati per il virus. Si parla di 800 posti ai quali si aggiungeranno, in terapia, altri 19 e diventando 83. Ma su un altro fronte si apre un altro tipo di preoccupazione. Infatti, tra quanti vengono ricoverati ci sono sempre più casi di ictus indotti dal coronavirus.

E se il Civile resta l’ospedale più pieno di malati Covid, per fortuna sono diminuiti gli accessi al pronto soccorso. Nel frattempo anche alla Poliambulanza da ieri, lunedì 30 marzo, sono attivi nuovi quindici posti letto di terapia intensiva rispetto a quelli che erano già stati creati. 78 sono i pazienti ricoverati in questa rianimazione e anche qui gli accessi al pronto soccorso si sono ridotti. Infine, tra gli ospedali di Desenzano, Manerbio e Gavardo legati all’Asst del Garda oggi, martedì 31 marzo, arriveranno dodici tra medici e infermieri militari per dare supporto al personale che è allo stremo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.