Virus, 500 medici e infermieri malati nel bresciano (310 al Civile)

Da ieri gli operatori sanitari del Civile, Montichiari e Gardone Valtrompia si fanno misurare la temperatura.

(red.) Da ieri mattina, venerdì 27 marzo, i medici e infermieri che si presentano al loro posto di lavoro nelle strutture degli Spedali Civili – Civile di Brescia, a Montichiari e Gardone Valtrompia – si fanno controllare la temperatura. E se questa risulta essere superiore a 37,5 gradi gli operatori sono costretti a tornare a casa. E’ una misura di prevenzione adottata dalla direzione centrale per consentire di lavorare solo a chi sta bene.

Anche perché proprio al Civile sono 310 tra medici e infermieri malati e risultati positivi al Covid-19, di cui dieci in gravi condizioni in terapia intensiva. Si parla del 6% del personale – che conta 6.700 dipendenti – ma si valuta che sono più di 500 gli operatori malati in tutta la provincia.

E proprio loro sono tra i primi ad essere sottoposti ai tamponi al minimo sintomo e hanno anche la precedenza sul processo nei laboratori deputati al controllo. Intanto, dai dati nazionali si parla di oltre 50 medici che purtroppo hanno perso la vita in questa emergenza e di oltre 6.200 malati.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.