Coronavirus, mascherine e respiratori con il tesoretto di #aiutiAMObrescia

Ibresciani hanno donato 14 milioni di euro che sono stati investiti in attrezzature mediche.

(red.) Più di un milione e 600mila mascherine chirurgiche, quasi 200mila FFP2, circa 100 respiratori non invasivi, 33 ventilatori invasivi, un centinaio di maschere CPAP, 10 ecografi e 20 pompe infusionali: sono questi i numeri dei dispostivi acquistati da #aiutiAMObrescia, grazie anche al lavoro della struttura tecnica di Poliambulanza, che ha provveduto ad individuare sul mercato questi materiali che saranno distribuiti negli ospedali, nelle strutture e nei servizi socio sanitari dell’intero territorio provinciale. Tutto questo grazie alla grande generosità dei bresciani che hanno donato oltre 14 milioni di euro tramite la Raccolta Fondi #aiutiAMObrescia, partita il 9 marzo scorso e promossa da La Fondazione Comunità Bresciana e il Giornale di Brescia come media partner.

 

“Poliambulanza gioca un ruolo operativo fondamentale: il settore acquisti e la direzione risorse umane collaborano rispettivamente all’approvvigionamento di materiali, attrezzature e al reclutamento di medici e infermieri. É noto che in campo sanitario, con l’emergenza, è divenuto problematico reperire sul mercato beni e risorse essenziali. Il personale tecnico e amministrativo di Poliambulanza – afferma il Direttore Generale Alessandro Triboldi – affronta con competenza ed efficacia la sfida e, grazie all’attività dei nostri colleghi, le donazioni dei bresciani si traducono in quotidiani arrivi di materiali e professionisti che vengono redistribuiti alle varie strutture secondo le indicazioni del coordinamento di aiutiAMObrescia”.
A capo del progetto Enrico Zampedri, Vicepresidente di Fondazione Poliambulanza: “La comunità bresciana ha mostrato grande generosità ed è doveroso rispondere alla fiducia espressa con la massima operosità, garantendo la migliore gestione delle risorse. Abbiamo perciò investito i fondi disponibili in progetti di primaria importanza. In particolare sono stati erogati 2 milioni 520mila per creare 42 posti nelle terapie intensive, acquistati materiali e DPI per circa 2milione e 300mila euro. Abbiamo inoltre avviato altri progetti per il reperimento di personale qualificato e di presidi da destinare alle strutture di riabilitazione per i pazienti con Coronavirus. Abbiamo, inoltre, sostenuto le associazioni di trasporto sanitario tramite AREU e la Croce Rossa Italiana, con l’acquisto di due ambulanze donate grazie al sostegno di UBI Banca. In ultimo, stiamo mettendo a punto un bando per aiutare a sostenere gli enti del terzo settore, che stanno subendo grandi ripercussioni negative a causa dello stop forzato, imposto dallo stato di emergenza. Continueremo ad agire per il bene dell’intera Comunità, grati per lo spirito di profonda solidarietà che sta animando il nostro territorio e che ha dimostrato rinsaldarsi proprio nel momento di maggiore criticità”.
Per chi volesse contribuire alla causa è possibile versare un bonifico sul c/c intestato a Fondazione della Comunità Bresciana Onlus (Bonifico di solidarietà esente da commissioni), all’IBAN: IT 76 Z 03111 11238 000000001390, con causale: AIUTIAMOBRESCIA

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.