Coronavirus, in arrivo nel bresciano medici russi e l’Esercito

In provincia saranno individuati anche hotel e appartamenti per ospitare le quarantene e il personale medico.

Più informazioni su

(red.) Da tutto il mondo medici e infermieri, anche esperti, stanno raggiungendo l’Italia per aiutare a fronteggiare l’emergenza sanitaria da coronavirus. E su questo fronte la Lombardia, regione più colpita, avrà molto peso nell’essere sostenuta tra professionisti e attrezzature. Non a caso ieri, domenica 22 marzo, alla Malpensa sono atterrati medici e infermieri da Cuba, mentre a Pratica di Mare, in provincia di Roma, sono giunti diversi cargo carichi di materiali e personale dalla Russia. E buona parte di questi raggiungeranno proprio la Lombardia e il territorio bresciano.

Nel frattempo oggi, lunedì 23 marzo, la giunta lombarda allestirà una mappa con hotel e strutture ricettive disponibili per ospitare quanti devono trascorrere il periodo di quarantena e non possono passarlo nelle loro abitazioni, ma anche per i medici e infermieri che devono alloggiare a poca distanza dagli ospedali. A Brescia, per esempio, arriverà personale dei medici militari russi, anche esperti in epidemiologia e che hanno fronteggiato l’ebola. A questi si aggiungeranno anche una parte dei 300 medici della task force attivata a livello governativo con la Protezione civile.

Per quanto riguarda le strutture da mettere in campo come accoglienza, in provincia di Brescia dovrebbero essere messi a disposizione appartamenti e decine di camere tra Brescia, Capriolo, Manerba del Garda e Darfo Boario Terme e per oltre 500 posti che saranno pagati dalla Regione Lombardia. E anche Confagricoltura di Brescia si è attivata, tanto che i titolari di diverse aziende agricole mettono a disposizione un centinaio di posti letto d’intesa con la prefettura. Intanto, il sindaco di Brescia Emilio Del Bono si è visto accogliere la richiesta e da domani, martedì 24 marzo, il territorio sarà presidiato anche da 50 militari dell’Esercito per far rispettare le disposizioni sulle misure di contenimento.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.