Virus svuota autobus e metropolitana (-60%). Treni quasi vuoti

Con scuole e università chiuse e smart working tra molti addetti, anche i trasporti pubblici risentono della situazione.

(red.) I mezzi pubblici non sono vietati e non fanno parte delle misure di contenimento per frenare il contagio da coronavirus, ma il fatto che le scuole e le università siano chiuse, insieme all’idea che molti dipendenti possano lavorare in smart working, ha svuotato nel bresciano autobus e metropolitana. Oltre alla stazione cittadina da dove transitano i treni.

Sul fronte di bus e metro, la società Brescia Mobilità fa sapere che negli ultimi giorni gli utenti sono calati del 60%, cioé si muovono 40 mila al giorno rispetto ai 100 mila consueti. 25% in meno anche sulla metropolitana e nonostante, pur con qualche calo, il servizio viene mantenuto. Tra l’altro, ogni giorno le carrozze e anche gli autobus vengono sanificati.

Anche la stazione di Brescia ne risente, tanto che negli ultimi giorni si presentava quasi deserta, a fronte anche del fatto che Trenord ha ridotto le corse del 60% vista l’utenza ridotta. I ritardi a volte restano tali a causa anche dei lavori in corso sulle infrastrutture, ma di certo i pendolari non hanno problemi ora a trovare posto sui convogli, di solito affollati.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.