Coronavirus, altri tre casi positivi al contagio nel bresciano

Si aggiungono al 51enne di Pontevico e alla ginecologa di Cellatica. Ora i tamponi solo a chi presenta i sintomi.

Più informazioni su

(red.) Oltre al 51enne di Pontevico e alla ginecologa 36enne residente a Cellatica, nella giornata di ieri, mercoledì 26 febbraio, sono emersi altri tre casi di bresciani positivi al Coronavirus. Virus dal quale, ricordiamo e come dicono gli scienziati e virologi, in 8 casi su 10 si guarisce senza problemi e senza particolari conseguenze. E sempre ieri altre tre persone, i cui tamponi sono risultati positivi, provenienti da fuori provincia di Brescia sono state condotte in Poliambulanza. Nel panorama nazionale questi cinque casi positivi nel bresciano portano a un totale di 455 contagiati (258 in Lombardia), anche se dall’Istituto Superiore di Sanità fanno sapere che i casi positivi e confermati dalle controanalisi sono 194.

Nel frattempo è anche cambiata la strategia di sottoporre i tamponi, visto che in questo momento saranno somministrati solo a chi mostra i sintomi del virus. E sempre ieri si è verificato che le vittime sono diventate dodici, di cui l’ultimo in ordine di tempo è un 70enne deceduto in Emilia Romagna, ma proveniente da San Fiorano, in provincia di Lodi. Era ricoverato in terapia intensiva nell’ospedale di Parma e aveva già patologie pregresse con difficoltà respiratorie. Dagli elementi di ieri è anche emerso che i casi di contagio hanno riguardato undici regioni, con la presenza anche delle Marche e della Puglia. E si parla anche di otto minori – 7 in Lombardia e uno in Veneto – che però sono in buone condizioni e l’infezione è lieve.

Il commissario straordinario alla Protezione Civile Angelo Borrelli ha anche dato la notizia positiva della guarigione dal virus della coppia di turisti cinesi ricoverati allo Spallanzani di Roma. A proposito dei nuovi tre casi bresciani – che si aggiungono al 51enne di Pontevico e alla ginecologa, entrambi in buone condizioni – uno è un anziano residente ad Erbusco ricoverato nei giorni precedenti a giovedì 27 febbraio all’ospedale Civile di Brescia da quello di Iseo. Nel corso delle ultime ore il suo stato di salute si è aggravato con la conferma del contagio dal virus.

Un altro abita a Leno e si trova ricoverato all’ospedale di Manerbio e infine un terzo caso emerso in serata. In una zona isolata del pronto soccorso della Poliambulanza, invece, sono stati ricoverati una coppia di anziani. A proposito del 51enne di Pontevico, non presenta sintomi e nel frattempo sono stati raggiunti tutti i soggetti entrati in contatto con lui. La ginecologa operativa a Manerbio ha voluto rassicurare, insieme al sindaco, i cittadini di Cellatica dove sono stati già disposti una serie di controlli di Ats. E anche i suoi parenti sono risultati negativi al contagio.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.