Quantcast

Coronavirus, alcune aziende controllano temperatura agli addetti

Qualcuna chiude per i fornitori nella zona rossa. Cestini al posto della mensa. Domani rito delle ceneri a porte chiuse.

Più informazioni su

(red.) Il Coronavirus sta provocando problemi anche nel mondo economico e produttivo bresciano. Se diverse aziende che operano attraverso i computer invitano i propri addetti a lavorare in smart working da casa, quelli invece che operano nelle fabbriche sono sottoposti a una serie di misure. Ma non solo, perché qualche azienda è stata costretta a chiudere a causa dei fornitori presenti nella zona “rossa” del focolaio e dove i residenti vivono in quarantena.

Nel frattempo in altre realtà di vaste dimensioni nel bresciano, alcune si sono dotate di rilevatori di temperatura da sottoporre ai dipendenti e al personale che venga dall’esterno. E c’è persino chi sta pensando di consegnare dei cestini agli addetti, invece di consentire l’ingresso in mensa. Altri risvolti riguardano anche la Chiesa. Ieri, lunedì 24 febbraio, il vescovo di Brescia Pierantonio Tremolada ha inviato una nota con la quale chiede di rispettare tutte le indicazioni, partendo dal fatto che fino all’1 marzo tutte le attività saranno sospese.

Ma le chiese potranno restare aperte solo per la preghiera e anche gli oratori, ma senza iniziative organizzate. Stessa situazione per i bar parrocchiali che come gli altri dovranno chiudere dalle 18 alle 6. Nel frattempo domani, mercoledì 26 febbraio, con il rito delle ceneri inizia la quaresima e il vescovo sarà in Cattedrale a Brescia dalle 20,30, ma senza fedeli. Si potrà assistere solo dalla tv, via radio o in streaming.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.