Coronavirus, tre contagiati in Lombardia. I casi a Codogno (Lodi)

Un 38enne italiano, la moglie e un amico di lui risultati positivi. L'ospedale di Codogno è stato sorvegliato.

Più informazioni su

(red.) Oltre a quelli che erano già confermati a Roma – di cui una coppia cinese – ricoverati all’istituto Spallanzani, anche in Lombardia si segnalano tre casi sospetti contagiati dal Coronavirus. Succede a Codogno, in provincia di Lodi, dove un 38enne italiano portato al pronto soccorso e ricoverato in terapia intensiva sarebbe risultato positivo alla contrazione del virus. La conferma nelle ore intorno a venerdì 21 febbraio è arrivata anche dall’assessore lombardo al Welfare Giulio Gallera.

Mentre l’Istituto Superiore di Sanità sarà impegnato a svolgere le controanalisi per accertare se si tratti veramente del virus che al momento in tutto il mondo ha provocato oltre 2.200 vittime e più di 76 mila contagiati (dati aggiornati in tempo reale). La scoperta del caso sospetto di coronavirus ai danni di un 38enne ha portato l’ospedale lodigiano a chiudere l’accesso al pronto soccorso e anche a fermare le attività sanitarie che erano state programmate. E anche chi è entrato in contatto con il paziente è stato verificato, tanto che oltre a lui risultano positivi al contagio anche la moglie e un amico.

Il 38enne – che non è stato in Cina nel periodo recente – si era presentato ieri, giovedì 20 febbraio, in ospedale lamentando difficoltà a respirare. E ora si sta cercando di capire dove e da chi potrebbe essere rimasto contagiato. E c’è anche la sensazione che l’uomo possa essere stato a cena con alcune persone rientrate dalla Cina. Il noto medico Roberto Burioni, conosciuto per l’attività legata ai vaccini, sostiene che il Coronavirus possa presentarsi e diffondersi non per forza manifestando dei sintomi. Come detto, oltre al 38enne, gli altri due contagiati dal Coronavirus sono la moglie dell’uomo – trasferita in isolamento all’ospedale Sacco di Milano e un amico. Alle 12,30 è in programma una conferenza stampa in Regione Lombardia per presentare gli ultimi aggiornamenti.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.