Meningite, già 14 mila vaccinati. In arrivo da lunedì per le scuole

Dalla prossima settimana al cfp di Clusane e all'Antonietti di Iseo. Anche per i lavoratori delle aziende.

(red.) La situazione di psicosi connessa alla meningite, dopo cinque casi accertati in un mese, a dicembre, nella sponda bergamasca del lago d’Iseo, sta rientrando e si va verso la normalità. Merito anche dell’ingente campagna di vaccinazione lanciata durante i giorni delle feste natalizie e che coinvolge anche il bresciano. Attualmente numerosi pazienti si sono presentati agli ambulatori attivati, anche in via straordinaria, per procedere con il trattamento. E la stessa misura riguarda anche gli addetti che lavorano nelle aziende presenti in questa zona “rossa”.

Da lunedì 13 gennaio l’Ats di Brescia fornirà i vaccini a 25 aziende tra Capriolo, Iseo e Paratico, con più di trenta dipendenti, dove saranno i medici interni del lavoro a sottoporlo per un totale di 1.700 interessati. Gli addetti che lavorano per imprese più piccole in questi tre paesi, invece, potranno presentarsi agli ambulatori. Nel periodo compreso tra la vigilia di Natale e i giorni successivi al 5 gennaio, quando il vaccino è stato esteso anche alla provincia di Brescia, sono stati più di 14 mila i pazienti, tra la parte bergamasca e quella bresciana, che si sono adeguati contro il meningococco di tipo C, il più aggressivo.

Ora la stessa vaccinazione interesserà anche le scuole, partendo ieri, venerdì 10 gennaio. Intanto, restano aperti gli ambulatori di Villongo, Predore, Sarnico e Grumello del Monte nella sponda orobica e quello di Iseo nel bresciano. Per quanto riguarda gli istituti scolastici, nella nostra provincia si partirà lunedì 13 gennaio con il Cfp “Zanardelli” di Clusane e l’Antonietti di Iseo. Poi verrà stilato un calendario anche per il “Falcone” e il “Marzoli” di Palazzolo e il paritario “Madonna della Neve” di Adro. Si valuta cosa fare anche per gli studenti delle scuole presenti tra Iseo, Paratico e Capriolo, cioé l’area che ha richiesto maggiori attenzioni.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.