Valcamonica, casi Parkinson più che in tutta Italia

Presentati i dati di una ricerca condotta da tempo da un gruppo di lavoro per verificare le conseguenze sull'esposizione ai metalli pesanti degli operai.

Più informazioni su

(red.) In tutta la Valcamonica, nel bresciano, si registra un numero di malati di Parkinson oltre la media nazionale. I dati arrivano da una ricerca condotta già dagli anni Novanta dal gruppo di lavoro coordinato da Roberto Lucchini, docente di Medicina del Lavoro all’università di Brescia e a capo del World Trade Data Center Health Program di New York. Nei giorni precedenti al 30 marzo Berzo Demo ha ospitato un convegno dedicato proprio alla presentazione di questi numeri e di cui scrive il Giornale di Brescia.

Ai lavori hanno partecipato il sindaco Giambattista Bernardi oltre ai rappresentanti del Bacino Imbrifero Montano, il presidente della Provincia di Brescia Pier Luigi Mottinelli e delegati dell’Azienda sociosanitaria della valle e dell’Ats della Montagna. L’indagine condotta dal gruppo di lavoro ha voluto verificare le conseguenze dell’esposizione ai metalli pesanti tra gli operai delle fabbriche in Valcamonica, a Bagnolo Mella e sul lago di Garda.

Ma sono stati valutati anche 720 ragazzi iscritti alle scuole medie. Tra loro, il 15% è stato poi sottoposto ad altri esami. Dal punto di vista del rischio dell’autismo, deficit nell’attenzione, disturbi nell’apprendimento e depressione a livello giovanile i dati non preoccupano e sono in linea con la media europea. Ma sono più allarmanti quelli sul Parkinson: in Valcamonica si registrano 358 casi su 100 mila abitanti, mentre a livello provinciale sono 237.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.