Stamina, «non siamo dei visionari»

Per Tiziana Massaro, mamma di Federico, affetto dal morbo di Krabbe in cura agli Spedali Civili di Brescia, il bimbo è migliorato con le infusioni.

(red.) «Noi non siamo dei visionari. Mio figlio è migliorato» dopo le infusioni di staminali, «ma questi bambini non sono stati analizzati da chi di dovere. Li filmino per 24 ore, gli facciano tutti gli esami strumentali. Invece questa volontà non c’è stata».
Così, nel corso dell’audizione in Commissione Sanità del Senato, Tiziana Massaro, mamma di Federico Mezzina, bimbo con malattia di Krabbe in cura agli Spedali Civili di Brescia. «Abbiamo la legge dalla nostra parte, le ordinanze dei giudici. Personalmente ho dovuto fare 8 ricorsi per 8 infusioni e me lo sono potuto permettere perché sono un avvocato, ma altre famiglie sono rimaste indietro», ha aggiunto Massaro, che è anche segretaria del Movimento Vite sospese.
Federico, ha specificato, «ha avuto un notevole miglioramento psico-fisico, a livello di tono muscolare, deglutizione, respirazione. Ha compiuto 3 anni e mezzo e mangia da solo».
Eppure su Stamina «ho sentito scempiaggini dal ministro della Salute, secondo cui le infusioni si fanno in testa. Forse si è confusa con qualche altra terapia». In merito alle cartelle cliniche, sottolinea, «all’inizio registravano anche i miglioramenti, mentre dopo l’intervento dell’Aifa si sono limitati a registrare solo eventuali effetti collaterali», che comunque «non si sono verificati». Quanto ai costi, quelli reali sono di «mille euro a infusione». «Brescia dice di aver speso 1,4 milioni di euro, ma solo un milione è servito per le spese legali».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.