Cromo nell’acqua? Controlli in 727 punti

L'Asl di Brescia ha voluto tranquillizzare i cittadini sulla presenza di cromo esavalente nei pozzi della rete idrica. "Pubblicati on line tutti i risultati delle indagini".

(red.) A fronte di un aumento della preoccupazione da parte di alcuni cittadini bresciani sulla questione della presenza di cromo esavalente nell’acqua dell’acquedotto, l’Asl di Brescia intende ricordare che, da marzo 2012, è possibile monitorare di persona i risultati delle analisi chimiche e microbiologiche svolte sulla rete idrica, con le date dei campionamenti, collegandosi al sito www.aslbrescia.it e cliccando sull’apposito banner in homepage.
Tra i parametri chimici analizzati e pubblicati sul sito, vi sono anche cromo totale e il cromo esavalente, quest’ultimo ricercato nelle zone a rischio di inquinamento da questo metallo. L’operazione trasparenza dell’Asl consente di consultare i dati di monitoraggio dei diversi punti rete dell’acquedotto, individuando quello più vicino a casa, i risultati delle analisi sulla qualità dell’acqua, comune per comune su 164 municipalità; tali risultati sono aggiornati quotidianamente.
 L’Azienda sanitaria locale, chiarisce la nota, svolge  controlli esterni delle reti idropotabili per vigilare sulle acque destinate al consumo umano, mentre i controlli interni di routine su pozzi e sorgenti spettano ai 16 enti gestori delle reti, su cui l’Asl vigila. Le analisi dei campioni di acqua, effettuate dal Laboratorio di Sanità Pubblica dell’Asl, sono volte a rintracciare la presenza di microorganismi che sono indicatori di contaminazione microbiologica (in particolare di natura fecale), o chimica, che può derivare da fenomeni naturali o da attività antropiche (fonti di inquinamento).
Il Laboratorio di Sanità Pubblica esegue campionamenti e controlli su 727 punti rete degli acquedotti (33 solo a Brescia città), ad esempio le fontanelle, per verificare il rispetto degli standard microbiologici e chimici. Da diversi anni è stata rilevata la presenza di cromo esavalente nell’acquedotto cittadino, ma nettamente al di sotto dei limiti previsti dalla legge.
 L’Asl ricorda che per richiedere informazioni e chiarimenti sulla lettura delle analisi di laboratorio e in particolare sulla presenza di questo inquinante nelle acque destinate al consumo umano è possibile fare riferimento al Dipartimento di Prevenzione Medico  al seguente indirizzo mail dir.dip.prevenzione@aslbrescia.it.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.