Stamina, ‘600 famiglie pronte a ricorso per cure’

Il presidente di Stamina Davide Vannoni: "Al Civile di Brescia sono in cura già 84 pazienti". Via libera alla sperimentazione dalla Commissione Affari sociali.

(red.) Voto unanime in commissione Affari sociali a un emendamento al decreto staminali che dà l’ok alla sperimentazione di terapie avanzate a base di cellule staminali mesenchimali, quelle usate con il metodo Stamina, promossa dal ministero della Salute avvalendosi di Aifa, Iss e Cnt e con l’unico paletto della sicurezza dei pazienti.
“Il Ministero della Salute”, si legge nell’emendamento”, avvalendosi dell’Aifa e del Cnt, promuove lo svolgimento di una sperimentazione clinica, coordinata dall’Iss, condotta anche in deroga alla normativa vigente, da completarsi entro 18 mesi a decorrere dal 1° luglio 2013, concernente l’impiego di medicinali per terapie avanzate a base di cellule staminali mesenchimali, a condizione che i predetti medicinali, per quanto attiene alla sicurezza del paziente, siano preparati in conformità alle linee guida dell’articolo 5 del regolamento 1394/2007 del Parlamento europeo. Al fine di garantire la ripetibilità delle terapie di cui al primo periodo le modalità di preparazione sono rese disponibili all’Aifa e all’Iss“. Per la sperimentazione sono stati stanziati 3 milioni di euro.
Tensione in piazza Montecitorio tra le forze dell’ordine e le famiglie dei malati che merocoledì hanno manifestato a sostegno del decreto per la sperimentazione delle cure con cellule staminali del protocollo Stamina. Alcuni manifestanti hanno  cercanto di forzare il cordone dei poliziotti per raggiungere Montecitorio. Spingendo le transenne, un gruppo di manifestanti sta urlando, “fuori, fuori”, indirizzandosi ai politici.
“Sono 84 i pazienti in cura agli Spedali di Brescia con il metodo Stamina, ma ci sono 600 famiglie pronte a fare ricorso per ottenere le cure con staminali sulla base del nostro protocollo”. Lo ha detto il presidente di Stamina, Davide Vannoni, intervenendo alla manifestazione delle famiglie dei malati in corso a Montecitorio. I protocolli Stamina, ha detto “sono in internet, visibili a tutti, basta digitare su Google ‘Davide Vannoni Patents'”.
Contro la terapia a base di cellule staminali del protocollo Stamina è in atto l’azione della “lobby Agenzia del Farmaco-Farmindustria, per cercare di distruggere questa possibilità di cura”. Lo ha detto il presidente di Stamina, Davide Vannoni, intervenendo alla manifestazione in corso a Montecitorio. Duro l’attacco al ministro della Salute: “Lorenzin”, ha detto, “usa lo stesso portavoce dell’ex ministro Sacconi, la cui moglie è direttore generale di Farmindustria”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.