Quantcast

Civile, un ospedale a misura di donna

Con l'iniziativa "Bollini Rosa", O.N.Da premia i nosocomi italiani che curano patologie al femminile. La struttura bresciana ha ottenuto il punteggio massimo.

Più informazioni su

(red.) Con l’iniziativa “Bollini Rosa”, O.N.Da, l’Osservatorio nazionale sulla salute della donna, premia gli ospedali italiani che curano patologie specificatamente al femminile ponendo la donna al centro del percorso diagnostico terapeutico.
Gli Spedali Civili di Brescia, fin dalla prima edizione del 2007 hanno ottenuto 3 bollini rosa. Nel 2011 sono gli 48 ospedali italiani che hanno ottenuto questo riconoscimento, 15 in Lombardia, solo il Civile nella provincia di Brescia. Dopo cinque anni di esperienza sono cambiati i criteri, è stato creato un sito, dove dal primo gennaio gli utenti potranno esprimere il gradimento sui servizi offerti, e stipulato un accordo con Federfarma per la promozione dell’ospedale amico delle donne più vicino a una delle 17mila farmacie aderenti.
I criteri considerati per l’assegnazione alle strutture ospedaliere di 1, 2 o 3 bollini rosa con validità biennale sono i seguenti: presenza all’interno della struttura ospedaliera di Unità dedicate all’assistenza e alla cura delle patologie femminili di maggior rilievo clinico ed epidemiologico; applicazione di livelli di cura e assistenza atti a garantire un’adeguata gestione della patologia, con particolare attenzione alle caratteristiche psico-fisiche e alle specifiche esigenze dell’utenza femminile (servizi clinici); centralità della donna e tutela della sua dignità attraverso l’umanizzazione delle cure (servizi accessori).
Da un lato il Programma ha lo scopo di promuovere la medicina di genere all’interno delle strutture ospedaliere, che rappresenta un fattore cruciale per migliorare la qualità e l’accessibilità dei servizi; dall’altro consente la creazione di una rete di ospedali “a misura di donna”, a cui le utenti possono rivolgersi scegliendo, sulla base dei servizi offerti resi visibili attraverso un canale di informazione privilegiato e trasparente, le strutture più attinenti alle proprie necessità.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.