San Felice, altra auto in fiamme. C’è lo spettro di una mano dolosa

Sabato notte in via del Lavoro il secondo caso a una settimana di distanza. E' il sesto episodio in un anno.

(red.) L’altra notte, sabato 17 ottobre, quando i residenti di via del Lavoro a San Felice del Benaco, sulla sponda bresciana del lago di Garda, hanno notato che un’auto andava a fuoco la memoria è corsa a quanto era accaduto una settimana prima. Stavolta a subire le fiamme è stata una Hyundai Atos, poi domata dai vigili del fuoco.

Sulla carcassa i carabinieri stanno verificando una serie di controlli. Anche perché dopo l’incendio di sabato notte 10 ottobre in via Marconi con un’Opel Mokka e una Fiat 500 in fiamme, c’è ormai la sensazione che non si trattino di roghi accidentali, ma dolosi. E questi tre episodi non sono nemmeno gli unici, visto che si parla di sei casi nell’arco di un anno.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.