Edolo, brucia sterpaglie e manda in fumo un ettaro di boschi

Ieri pomeriggio un uomo ha perso il controllo del fuoco di ripulitura che aveva acceso. Rischia denunce.

(red.) Ha commesso due errori, violando la legge, in un colpo solo: quella di restare a casa e di non accendere roghi boschivi. Ieri pomeriggio, mercoledì 8 aprile, un uomo è stato denunciato a Edolo, in Valcamonica, nel bresciano, dopo aver acceso un fuoco di ripulitura nel momento in cui aveva appena tagliato della legna.

E’ successo in località Fassaneda tra le frazioni di Cortenedolo e Santicolo di Corteno Golgi dove l’uomo si era messo ad animare un fuoco per pulire gli scarti del lavoro appena realizzato. Ma questo è un periodo in cui il bosco è secco e il vento è frequente. Infatti, proprio le folate avrebbero fatto perdere il controllo del rogo all’uomo e subito sul posto sono stati allertati i mezzi di spegnimento.

Quindi i vigili del fuoco di Edolo, la Protezione civile dell’antincendio boschivo di Sonico ed Edolo e anche i carabinieri della stazione locale per ricostruire l’accaduto. Ci sono volute un paio di ore per domare le fiamme ed evitare che potessero allargarsi alle baite vicine, ma un ettaro di terreno è andato bruciato. L’uomo rischia una denuncia per incendio colposo e anche quella per aver violato le disposizioni sanitarie.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.