Quantcast

Incendi, vertice Regione-prefetto

Il 4 febbraio un incontro per fare il punto della situazione e attivare le misure contro i roghi dolosi. Possibile il blocco della caccia.

Più informazioni su

incendio(red.) E’ un’emergenza senza fine quella degli incendi appiccati sui monti bresciani. Tra le zone più colpite c’è ancora la Valtrompia che nelle 24 ore precedenti a venerdì 29 gennaio ha visto accendere altri cinque focolai. Il bilancio parla di una trentina di fuochi innescati da novembre a gennaio, di cui una ventina solo durante il primo mese del 2016. Sulla valle del Mella, le zone più colpite vanno da Bovegno, al colle San Zeno e fino al Maniva per oltre 1 milione di metri quadrati di boschi e pascoli andati in fumo. Una situazione simile si presenta anche sull’alto Garda che è stato interessato da vari incendi.
La mobilitazione di tutte le forze in campo, dai volontari antincendio agli operatori coordinati dalle istituzioni, va avanti senza sosta e non c’è dubbio che si trattino di roghi dolosi. Per affrontare l’emergenza, giovedì 4 febbraio alla procura di Brescia si terrà un vertice tra la Regione Lombardia e la prefettura bresciana per definire tutte le misure da prendere. Sulla base dei risultati, la Comunità montana della Valtrompia informerà i sindaci sugli interventi da adottare. A partire dal censimento delle zone bruciate e dalla possibilità di vietare ogni attività dove sono divampati i fuochi, con la caccia nel mirino.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.