Quantcast

Referendum Valcamonica: da 3 comuni a uno solo

Resi ufficiali i dati del prossimo referendum in Valcamonica: i cittadini di Ponte di Legno, Temù e Vione voteranno l'1 ottobre per decidere se accorpare i comuni.

(red.) Nelle bacheche e nei palazzi comunali della Valcamonica è apparsa la notizia che già tutti gli autoctoni conoscevano.

Domenica 1 ottobre, dalle ore sette alle 23, si terrà un referendum per decidere se i due paesi di Temù e Vione verranno inglobati dal Comune di Ponte di Legno, o se si rimarrà con tre Giunte distinte.

Anche i quesiti referendari sono stati esplicitati: ai Vionesi ed ai Temuniensi verrà chiesto se approvano che il loro Comune diventi parte di quello di Ponte di Legno e se sono d’accordo che anche l’altro paese venga incorporato.

I Dalignesi, invece, dovranno decidere se accettare gli altri due paesi.

Già cinque anni fa, i comuni di Temù e Ponte di Legno dovevano unirsi, ma, una volta al voto, i Temuniensi declinarono la proposta e non se ne fece più niente. Non resta che scoprire se, questa volta, abbiano cambiato idea.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.