Quantcast

Collio, probabile matrice dolosa del rogo al Maniva

Ed un altro incendio è scoppiato venerdì a Pezzaze, in località Monte. A bruciare, come a Collio, una vasta area destinata a pascolo e aree boschive.

Più informazioni su

(red.) Ci sarebbero pochi dubbi sull’origine dolosa del vasto rogo divampato venerdì mattina nei boschi del Maniva, a Collio (Brescia).
Trovati infatti diversi inneschi che hanno fatto deflagrare le fiamme venerdì 28 gennaio.
Ad essere interessato dalle fiamme un fronte di 200 ettari di area boschiva, da Baitoni verso il Maniva, sul colle San Zeno.
L’incendio sarebbe divampato la notte tra giovedì e venerdì, alimentato ulteriormente dal forte vento che soffia sulla zona e che ha reso le operazioni di contenimento e di spegnimento (ancora in corso) molto difficoltose.
Sul posto sono intervenuti 15 volontari delle squadre di Collio, Bovegno, Marcheno, Sarezzo e Concesio cui si sono poi aggiunte le squadre da Lumezzane.

Incendio Collio Maniva

Ad essere coinvolti nell’incendio 150 ettari, parte dei quali con alberi ad alto fusto ed il restante (più ampio) a pascolo. Sul posto è stato inviato un elicottero di regione Lombardia e anche un canadair che, tuttavia, non hanno potuto levarsi in volo a causa, appunto delle forti raffiche di vento.
Alle 7 adi sabato le operazioni sono riprese.
E nel frattempo un altro incendio è scoppiato nella serata di venerdì a Pezzaze, in località Monte: sul posto i Vigili del fuoco di Brescia, e dell’Alta Valle. Le fiamme hanno bruciato un vasto fronte di aree da pascolo e boschive.

Incendio Collio Maniva

 

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.