Quantcast

Brozzo di Marcheno, aperto alla cittadinanza il nuovo parco inclusivo

Più informazioni su

(red.) Un’ area comunale finora inutilizzata, riqualificata realizzando un nuovo parco giochi inclusivo, dotato di giochi e arredi realizzati interamente in plastica riciclata. Queste le principali caratteristiche della nuova area realizzata dall’amministrazione comunale di Marcheno in via Garibaldi, a Brozzo, in collaborazione con Idea Plast, azienda con sede a Lainate, in provincia di Milano, leader in Italia nella progettazione e realizzazione di oggetti, manufatti e arredi urbani in plastica riciclata proveniente dalla raccolta differenziata.

Brozzo di Marcheno, inaugurato il nuovo parco

L’inaugurazione del nuovo parco si è tenuta questa mattina alle 10.30 alla presenza del Sindaco, Diego Bertussi, di tutta la Giunta Comunale di Marcheno e di Alessandro Trentini, fondatore e direttore tecnico di Idea Plast. L’accesso dei partecipanti alla cerimonia è stato contingentato, nel rispetto del distanziamento sociale e delle disposizioni anti Covid-19.

Nel parco è presente un’area giochi dove sono stati installati giochi e arredi realizzati in plastica riciclata da Idea Plast. Tra queste, un cestino quadruplo per la raccolta differenziata, un dondolo a bilico, un gioco a molla, un’altalena una mini torre con scivolo, una casetta per bambini, 5 panchine, un telefono senza fili una casetta porta libri e un area fitness dotata di una trave equilibrio, di una barra per flessioni e di una seconda barra per trazioni. La nuova area giochi è inoltre dotata di un “palco naturale” che avrà l’obiettivo di ospitare le attività culturali proposte nel periodo estivo dall’Amministrazione Comunale.

Brozzo di Marcheno, inaugurato il nuovo parco

“E’ una grande soddisfazione essere qui oggi ad inaugurare questa importante opera pubblica, ha dichiarato Diego Bertussi, Sindaco di Marcheno. La riqualificazione di quest’area era prevista nel nostro programma elettorale e riuscire a mantenere le promesse fatte ai nostri concittadini è sempre motivo di orgoglio. Un ringraziamento particolare va all’Assessore Giovanni Rinaldin ed all’Architetto Stefania Mattinzioni che si sono impegnati in prima persona alla gestione delle fasi realizzative dell’opera. Ringrazio infine la società Idea Plast per aver contribuito, attraverso la fornitura e posa di giochi e arredi in plastica riciclata, a dare un’impronta ecosostenibile a questo splendido parco”.

“E’ un orgoglio per Idea Plast poter contribuire alla riqualificazione di un’area di cui potranno beneficiare ora i cittadini, ha dichiarato Alessandro Trentini, fondatore e direttore tecnico di Idea Plast. Da anni realizziamo parchi gioco e arredi urbani in plastica riciclata, e dopo l’area giochi donata la scorsa estate al Comune di Brescia, siamo felici che i nostri prodotti possano contribuire a trasformare un’altra area del territorio bresciano. Auspichiamo che iniziative come questa possano diventare un esempio per aiutare sempre più amministrazioni a realizzare interventi orientati alla sostenibilità”, ha concluso Trentini.

L’Amministrazione Comunale di Marcheno, grazie ad un contributo Regionale e a un’attenta progettazione interna da parte dell’Ufficio Tecnico, ha portato a termine la riqualificazione urbanistica di un’area nel cuore del tessuto urbano della frazione di Brozzo, realizzando un parco giochi atteso da tempo. L’attenzione non si è limitata semplicemente ad attrezzare un’area dal punto di vista ludico-ricreativo, si è puntato infatti a dare un segnale nell’ottica dell’ecosostenibilità attraverso la posa di giochi e arredi in plastica riciclata, un segnale nell’ottica dell’inclusività attraverso la posa di giochi specifici fruibili anche da bambini affetti da disabilità, nell’attenzione della didattica attraverso la creazione di specifici orti e nella piantumazione di piante da frutto che saranno curate e gestite dai bambini della vicina scuola elementare. Inoltre, una specifica area di raccolta differenziata dei rifiuti avrà lo scopo di porre la basi per l’educazione a una più attenta differenziazione dei rifiuti a partire dai bambini più piccoli.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.