Coronavirus a Brescia, la Valtrompia preoccupa: tre Comuni in vetta

26 nuovi casi in un giorno a Lumezzane, 21 a Sarezzo e 20 a Concesio. Colpiti soprattutto i più giovani.

(red.) Guardando alla classifica dei paesi che nel tardo pomeriggio di ieri, domenica 28 febbraio, registravano maggiori nuovi casi positivi al coronavirus nel bresciano, non si può fare a meno di notare che subito dopo il capoluogo ci sono Lumezzane con 26 nuovi casi, al quarto posto Sarezzo con altri 21 e alle spalle Concesio con 20 nuovi casi positivi. In pratica la media e bassa Valtrompia che sta conoscendo un periodo di preoccupazione per l’esplosione dei casi di contagio, spesso dovuti anche alla variante inglese.

Tra l’altro, bisogna considerare che i nuovi casi positivi riguardano in particolare la fascia più giovane, che va dai 20 ai 60 anni. A Concesio, dove il sindaco Agostino Damiolini ha deciso di chiudere i parchi pubblici attrezzati, il contagio è in fase di ascesa. E la preoccupazione sta interessando anche Sarezzo che ospita, all’interno dell’istituto superiore “Primo Levi”, un centro vaccinale della valle.

A Sarezzo si parla soprattutto di contagi a livello familiare e anche di comportamenti spesso sbagliati, con mascherine abbassate e troppi ritrovi. Per questo motivo il Comune ha annunciato di voler potenziare i controlli e non esclude di adottare una serie di misure più rigide.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.