Valtrompia, maltrattamenti in famiglia: padre assolto dal giudice

L'accusa aveva chiesto 4 anni, ma per il giudice è innocente. Anche il figlio è imputato per violenza sessuale.

(red.) Nella giornata di ieri, martedì 2 febbraio, il tribunale di Brescia ha assolto dall’accusa di maltrattamenti in famiglia un cittadino pakistano per dei fatti che sarebbero stati commessi in Valtrompia, nel bresciano. L’uomo, giudicato col rito abbreviato, si era visto chiedere 4 anni di reclusione dall’accusa, ma il giudice ha ritenuto che non avesse alcuna responsabilità.

Tuttavia, la famiglia è coinvolta in un altro procedimento giudiziario. Il figlio dell’uomo, infatti, è imputato con la pesante accusa di violenza sessuale sulla sorella più giovane. Questa si è rivolta alla Casa delle donne riuscendo a denunciare il fratello che si è visto chiedere una condanna a 7 anni e mezzo di reclusione. Nel suo caso il processo è stato aggiornato al 23 marzo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.