Ecomuseo di Valle Trompia, Natività sulla Via del Sacro e dell’Arte

(red.) In concomitanza con l’avvio del tempo liturgico dell’Avvento, l’Ecomuseo di Valle Trompia. La Montagna e l’Industria ha scelto di valorizzare l’itinerario ecomuseale denominato La Via del Sacro e dell’Arte, attraverso la presentazione di quattro opere natalizie, presenti in altrettanti siti religiosi triumplini.
La Via del Sacro e dell’Arte è un itinerario finalizzato alla conoscenza della viva religiosità valtrumplina, un ricco patrimonio che, nonostante testimoni una cultura popolare piuttosto diffusa, non è nel complesso adeguatamente valorizzato. L’itinerario si compone di un intreccio di segni materiali ed immateriali riguardanti vicende della storia religiosa interpretate nella realtà civica locale: edifici, percorsi liturgici, documenti d’archivio, testimonianze orali, fotografie storiche, produzioni artistiche, pubblicazioni e nuove ricerche trattengono, infatti, importanti valenze di carattere antropologico e storico-artistico.

Come è noto, la Natività è un tema illustrato ripetutamente dai più celebrati artisti di ogni tempo; l’immagine di Gesù bambino, accudito da Maria e San Giuseppe nel corso dei secoli ha messo alla prova gli artisti, spinti da sacrale devozione e dal desiderio di misurarsi su un tema che da sempre ha costituito un punto di partenza tra i maestri d’arte di ogni epoca. Anche nel Bresciano e in particolare in Valle Trompia, non mancano esempi iconografici di questo tipo, di segnalato valore.

In questo tempo legato all’emergenza Covid-19, per far sì che la cultura non si fermi,che i patrimoni come questo continuino ad essere “visitati”, conosciuti e messi a disposizione per finalità didattiche, l’assessore alla Cultura della Comunità Montana di Valle Trompia, Ivonne Valcamonico, ha realizzato quattro video attraverso l’Ecomuseo e il Sistema Museale e in accordo con la Diocesi di Brescia e le parrocchie interessate.
Dal 29 novembre 2020, sul canale YouTube della Comunità Montana di Valle Trompia, sarà così possibile conoscere in pillole alcuni luoghi di devozione triumplini presenti dalla Valle del Garza sino all’Alta Valle.

L’importante repertorio valtrumplino di santuari, pievi e cappelle votive è infatti distribuito in maniera omogenea sul territorio della Valle Trompia: nel fondovalle così come nelle vallecole appartate, in prossimità delle vie principali e lungo le strade di montagna, nei maggiori centri abitati e in luoghi isolati.
La scoperta dei luoghi del Sacro e dell’Arte prenderà il via la prima domenica di Avvento con la presentazione dell’affresco raffigurante L’Adorazione del Bambino con i Santi Antonio da Padova e Nicola da Bari, dipinto nella Pieve della Mitria di Nave; proseguirà poi nelle successive domeniche, con l’illustrazione di una delle due Natività raffigurate all’interno della Basilica di S. Maria degli Angeli di Gardone Val Trompia, nella decorazione pittorica di Domenico Voltolini presso il Santuario di S. Maria Annunciata o della Madonnina di Marcheno, per concludersi con L‘Adorazione dei Pastori dipinta su tela dal pittore bresciano Gian Antonio Italiani presso il Santuario della Misericordia o della Madonna di Bovegno a Pezzaze.La Via del Sacro e dell’Arte è inserita nella Mappa di Comunità dell’Ecomuseo di Valle Trompia. La Montagna e l’Industria, presente sul sito: www.ecomuseovalletrompia.it.
Per informazioni:Centro Informazioni di Valle Trompia unico@civitas.valletrompia.it – 360.1030495www.valtrompia.cosedafare.netUfficio Comunicazione Area Culturacomunicazione@cm.valletrompia.it – 334.1031885

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.