Quantcast

Incubo autostrada Valtrompia, anche l’Anac accende i fari

L'Autorità Anticorruzione ha aperto due istruttorie per capire gli ostacoli, i costi lievitati e un'opera ormai ridotta.

Più informazioni su

(red.) Nel momento in cui ogni volta il raccordo autostradale della Valtrompia, nel bresciano, tenta di compiere un passo in avanti, in realtà ne fa altri due indietro. Un’altra spada di Damocle sull’opera più tormentata da decenni in provincia di Brescia arriva dall’Anac, l’autorità nazionale anticorruzione che, come dà notizia Bresciaoggi, ha aperto due procedimenti indagando sui lavori all’opera. Il raccordo autostradale ha in programma di collegare Concesio a Sarezzo, ma secondo le prime evidenze dell’Anac sarebbe contro i principi di economicità, efficacia, tempestività e correttezza.

E la stessa autorità anticorruzione non ha potuto fare a meno di notare che, di fronte a un’infrastruttura considerata comunque fondamentale e di interesse pubblico, sono sempre numerosi gli ostacoli in cui incappa. A partire dai costi, con i 235 milioni di euro iniziali diventati poi 155 milioni e con la richiesta di un progetto esecutivo e varianti da stilare in un anno, ma mai prodotto. E su questo fronte il comitato da sempre contrario all’autostrada era tornato all’attacco segnalando la situazione proprio all’Anac.

Che le ha accolte aprendo due procedimenti. I membri del comitato chiedono che la gara d’appalto venga rifatta, mentre sembra che l’Anticorruzione voglia capire per quale motivo i costi siano così lievitati, con l’opera che invece si è ridotta da “autostrada” a semplice bretella. A questo punto entro i prossimi tre mesi le parti interessate potrebbero chiedere di essere sentite, dando poi spazio ad altri sei mesi di istruttoria. E non è escluso che vengano valutati danni erariali.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.