Salvini a Gardone Vt, “serve commissario per fare l’autostrada”

Tappa bresciana ieri pomeriggio per il senatore della Lega. "Gli imprenditori chiedono di svegliare il Governo".

(red.) Nella giornata di ieri, lunedì 15 giugno, il senatore leader della Lega Matteo Salvini ha fatto tappa nel bresciano nell’ambito del suo percorso in giro per l’Italia che era stato interrotto dal lockdown. E ieri pomeriggio, dopo essere stato a Castelli Calepio in provincia di Bergamo e prima di andare a Verona, si è fermato a Gardone Valtrompia. Qui ha visitato la storica fabbrica d’armi Beretta e poi all’Officina Liberty di via Grazioli, sede del polo tecnologico, dove ha incontrato diversi imprenditori. 250 persone hanno atteso il leader leghista nell’area verde che circonda il polo e tra selfie e senza poter evitare assembramenti, nonostante la presenza delle forze dell’ordine.

Intorno a un tavolo ha incontrato, tra gli altri, il presidente dell’Associazione Industriale Bresciana Giuseppe Pasini, quello del Consorzio armaioli Pierangelo Pedersoli, il vicepresidente di Anpam Nicola Perrotti e una serie di rappresentanti regionali, locali e nazionali. Tra questi, il presidente del Copasir Raffaele Volpi e i parlamentari bresciani Stefano Borghesi, Simona Bordonali, Eva Lorenzoni, Beppe Donina e Paolo Formentini. Ma all’esterno, in mezzo alla folla, non è mancato un gruppo di antagonisti che ha contestato il leader del Carroccio.

“Gli imprenditori bergamaschi e bresciani, una bella fetta del Pil, ci chiedono di svegliare il Governo perché mantenga le promessa fatte. Meno burocrazia, soldi veri in banca, rinvio delle scadenze fiscali, un programma serio per la cassa integrazione veloce – ha detto Salvini – il sostegno alle esportazioni, la ripartenza dei cantieri per le infrastrutture”. E in valle non poteva mancare il riferimento al raccordo autostradale ancora fermo. “È assurdo che questi sette chilometri siano ancora fermi. Bisogna azzerare il Codice degli appalti e nominare commissari straordinari per completare le grandi opere, come si è fatto per il ponte Morandi a Genova” ha continuato l’ex ministro dell’Interno.

E ha annunciato che giovedì 18 giugno alla Camera dei Deputati durante il question time si chiederanno proprio degli aggiornamenti riferiti alla bretella di collegamento all’autostrada. Il leader della Lega, interpellato anche su come la Lombardia abbia fronteggiato l’epidemia da coronavirus si è detto “orgoglioso per quanto è stato fatto. Molti medici che ho incontrato mi hanno confermato che è stato un bene allestire gli ospedali da campo a Milano e Bergamo”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.