Coronavirus, alla Rsa di Gardone Vt morti 20 dei 90 ospiti

I sindacati hanno scritto una lettera ai vertici per chiedere il rispetto delle misure di sicurezza. 28 positivi su 32.

(red.) Quella di Gardone Valtrompia, nel bresciano, è un’altra casa di riposo dove il coronavirus ha purtroppo colpito in modo incisivo e tanto da registrare 20 deceduti sui 90 ospiti totali presenti. Ma la Rsa gardonese è finita nel mirino per una lettera, di cui dà notizia il Giornale di Brescia, che i sindacati hanno mandato alla direzione e presidenza della struttura chiedendo che tutte le misure di sicurezza vengano rispettate.

Tra l’altro, anche il presidente dell’istituto è tra i contagiati e attualmente si trova ricoverato in ospedale. Alla casa di riposo di Gardone, come in tutte le altre, i tamponi per accertare la positività o meno al Covid sono arrivati solo nei pochi giorni precedenti a mercoledì 22 aprile. E hanno dato dei risultati, visto che sono emersi 28 casi positivi su 32 controllati.

Dalla residenza per anziani, inoltre, fanno sapere di aver ricevuto pressioni dal vicino ospedale per ospitare i pazienti Covid dimessi, ma è arrivato il diniego di fronte alle misure di sicurezza considerate non adeguate. E qui si attende anche l’arrivo dei carabinieri dei Nas che, nell’ambito delle inchieste, stanno ispezionando le case di riposo bresciane.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.