Coronavirus, contagi e decessi in Valtrompia. Chiusa ciclabile

Sarezzo preoccupa con 9 morti e 34 contagiati. I sindaci decidono di chiudere la ciclabile: troppa gente.

Più informazioni su

(red.) Analizzando la provincia di Brescia dal punto di vista dei casi di contagio e dei decessi per la pandemia da coronavirus, anche la Valtrompia sta affrontando una grossa emergenza ed è uno dei territori più colpiti dopo la Bassa e la città. In valle, tra Concesio, Sarezzo, Nave, Villa Carcina e Lumezzane si contano ogni giorno nuovi casi di contagio e purtroppo anche di deceduti da Covid-19. Il paese più colpito è Sarezzo con 9 decessi e 34 contagiati, mentre c’è apprensione per la casa di riposo Madre Teresa di Calcutta dopo quanto sta accadendo in altre residenze per anziani in provincia.

Dal Comune, però, fanno sapere che solo alcuni casi sono collegati al virus, mentre altri ospiti stanno migliorando come condizione. Nel frattempo, come ulteriori misure di contenimento, i sindaci dei paesi tra i quali si muove la pista ciclabile, da Concesio fino a Gardone Valtrompia, hanno deciso di chiudere al pubblico fino al 3 aprile. Erano troppi quelli che ogni giorno la percorrevano per fare jogging o portare il cane a fare una passeggiata.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.