Quantcast

Preseglie, sotto il cemento una discarica abusiva

Smaltimento irregolare nel sottosuolo: i rifiuti erano stati tombati in un'area già sequestrata nel 2020, vicino all'alveo del torrente Vrenda.

Più informazioni su

(red.) Scavando con la ruspa sotto uno strato di pavimentazione in cemento l’amara scoperta: un cimitero di rifiuti industriali, potenzialmente nocivi, in un’area già sottoposta, nel luglio 20220, ad un sequestro da parte dei carabinieri che avevano messo i sigilli ad un’ attività di autodemolizione, non autorizzata, dove erano stati rinvenuti carcasse di veicoli e rifiuti, soprattutto acciaio e scorie di piombo.

Il nucleo forestale dell’Arma di Vobarno ha quindi effettuato l’escavazione della zone, che costeggia il torrente Vrenda, da cui è emerso uno strato di rifiuti industriali spesso circa due metri, contenente scorie d’acciaieria e di altri materiali industriali su cui l’Arpa effettuerà campionamenti.

Tra lo strato di rifiuti, compattato sotto il manto di calcestruzzi, anche materiali fangosi e giallastri che potrebbero indicare la presenza di cromo esavalente. Per questo motivo, è stato effettuato un campionamento delle acque del torrente che scorre a breve distanza: il timore è che possa essersi verificata anche la contaminazione della falda acquifera.

 

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.