Quantcast

Roè Volciano, un arresto e due denunciati per le coltellate

In manette è finito un 24enne di origine cingalese, mentre il ferito, un 22enne albanese, è stato denunciato insieme con un amico moldavo. Prognosi di 15 giorni per due fendenti al collo e alla schiena.

(red.) I carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Salò hanno chiarito i contorni del fatto di sangue avvenuto nel tardo pomeriggio di venerdì nella zona del campo sportivo di Roè Volciano e conclusosi con il ferimento a coltellate di un ragazzo di 22 anni. In manette è finito un 23enne cingalese abitante a Roè Volciano mentre un 24enne albanese e un suo amico 26enne moldavo sono stati denunciati.
I tre si erano affrontati nei pressi del Centro Sportivo per motivi in fase di accertamento, ma probabilmente per questioni legate al fatto che l’albanese corteggiava la sorella del cingalese e il fratello non gradiva le attenzioni a causa della giovane età della ragazza. Durante la violenta lite è spuntato un coltello con il quale il cingalese ha colpito l’albanese al collo ed alla schiena.
Il ragazzo è stato soccorso e trasportato agli Spedali Civili di Brescia dove gli sono state diagnosticate lesioni giudicate guaribili in 15 giorni.
Arrestato per la partecipazione alla rissa e le lesioni inflitte al giovane albanese, il 23enne cingalese è stato portato nel carcere Canton Mombello di Brescia a disposizione del magistrato che lo ascolterà nei prossimi giorni.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.