Quantcast

Nuvolento, anziana raggirata con falsi contratti: altre denunce in provincia

Segnalazioni simili da anziani costretti a firmare contratti per beni che a loro non servono e che non arrivano mai.

(red.) Si torna a parlare del caso che si era registrato a Nuvolento, in Valsabbia, nel bresciano, dove una donna di 74 anni aveva denunciato ai carabinieri della stazione locale di essere stata vittima di un raggiro. E ora, sulla base di quella tecnica usata dai malviventi, come riporta il Giornale di Brescia, l’associazione dei consumatori Federconsumatori ha ricevuto una decina di altre segnalazioni provenienti dalla nostra provincia. E si parla di anziani costretti a firmare dei contratti del valore di migliaia di euro per beni che non vengono mai consegnati.

Il caso della 74enne riguardava il fatto che l’anziana, dopo aver comprato una poltrona, aveva contattato l’assistenza per un problema nel funzionamento. E due soggetti avevano raggiunto la sua abitazione portando via proprio la poltrona. Ma nello stesso momento avevano fatto firmare alla residente assegni per 9 mila euro facendole pensare che fosse la garanzia.

Invece era un nuovo contratto a fronte del fatto che però la donna non ha più rivisto la propria poltrona. Di fronte a quei fatti il titolare e il dipendente di quella ditta erano stati denunciati, ma ora potrebbero essersi registrati altri casi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.