Quantcast

Villanuova, studente ucciso da un malore: insegnante a processo

Alessio Quaini, 13 anni, era morto nel viaggio in elicottero verso Bergamo dopo aver fatto uno sforzo fisico.

(red.) Nella giornata di ieri, mercoledì 31 marzo, in tribunale a Brescia è iniziato il processo a carico di un’insegnante accusata di omicidio colposo nei confronti di un suo studente di 13 anni, morto l’11 aprile del 2014. I fatti si erano consumati a Villanuova sul Clisi, in Valsabbia, quando l’intera classe terza media di cui faceva parte anche Alessio Quaini aveva raggiunto il municipio per una giornata dedicata alla legalità.

E lungo quegli scalini a salire si era mosso anche il 13enne, già affetto da una malattia cardiaca congenita. Tanto da accusare un malore che lo aveva stroncato durante il viaggio in elicottero verso l’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo. Secondo l’accusa, la docente sapeva di quelle difficoltà fisiche dell’alunno che avrebbe potuto raggiungere il luogo della conferenza anche in ascensore.

E di fronte a quel dramma erano stati inizialmente indagati anche i medici che avevano preso in cura il 13enne, poi archiviati. Nell’udienza di ieri i genitori del ragazzo si sono costituiti parti civili e il processo è stato aggiornato al 30 giugno.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.