Quantcast

Vestone, autista con l’assicurazione finta fermato dalla Polizia

Il giovane conducente, a sua insaputa, era stato vittima del raggiro. Si è visto sequestrare la vettura.

(red.) Lo scorso fine settimana tra sabato 27 e domenica 28 marzo un giovane conducente residente a Sabbio Chiese, in Valsabbia, nel bresciano, si è visto sequestrare l’auto a Vestone perché non coperta dall’assicurazione. In realtà si è poi verificato che l’autista aveva il contratto, ma di fatto solo carta straccia. Se ne sono accorti gli agenti della Polizia locale dell’Aggregazione Valsabbia che in quei giorni stavano svolgendo i normali controlli stradali, anche equipaggiati con i rilevatori.

E al transito di una Fiat Panda, quella condotta dal giovane, hanno scoperto che il veicolo non era coperto dall’assicurazione. Mentre la polizza che il conducente aveva sottoscritto e pagato in tabaccheria si era rivelata una truffa. Lui stesso ha rivelato agli agenti di aver contattato una nota agenzia online che gli aveva proposto un preventivo, ma subito dopo sarebbe stato avvicinato da un altro agente che gli proponeva uno sconto.

E il giovane autista è incappato nel raggiro. A quel punto, dopo il controllo della Polizia, non ha potuto fare altro che denunciare l’episodio, pagare una sanzione e regolarizzare il veicolo per poterne tornare in possesso.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.