Gavardo, al controllo sull’assicurazione scopre di essere stato truffato

Il conducente di un furgone si è sentito dire che il suo certificato Rca, regolarmente pagato, era in realtà fasullo.

(red.) Ha scoperto di non essere in regola dal punto di vista della circolazione stradale solo dopo un controllo della Polizia locale. E soprattutto a due anni di distanza dall’inizio di quella situazione. E’ successo nei giorni precedenti a sabato 16 gennaio quando il conducente di un furgone residente a Muscoline, in Valsabbia, è stato fermato per un controllo dalla Polizia municipale a Gavardo.

E in quel momento gli è stato fatto notare che circolava con un mezzo scoperto da assicurazione dall’aprile del 2019. Ma l’autista, in buona fede, ha mostrato un certificato che indicava il periodo di validità e di un contratto di polizza che il conducente aveva regolarmente pagato.

Ma è stato sufficiente chiedere resoconto alla compagnia di assicurazione per scoprire che il tagliando e il certificato erano falsi. Di fatto, senza saperlo, era rimasto vittima di una truffa che ha denunciato alla Polizia locale contro ignoti. Oltre però anche al pagamento della sanzione per aver circolato con il veicolo non assicurato.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.