Coronavirus in Rsa, a Roé Volciano da Covid-free a focolaio: 9 morti da inizio mese

Il paese preoccupa anche per nuovi casi, aumentati di 50 in meno di un mese. Rsa si era salvata in primavera.

(red.) Analizzando il bollettino quotidiano diffuso anche ieri, martedì 24 novembre, dall’Azienda di Tutela della Salute di Brescia competente sull’intero territorio provinciale (esclusa la Valcamonica), emerge la situazione preoccupante di Roé Volciano, in Valsabbia. Se è vero che da due giorni rispetto a mercoledì 25 non si segnalano nuove casi positivi, il paese spicca però per due deceduti registrati nell’arco di 24 ore.

E preoccupa anche il dato dei 150 positivi dall’inizio dell’epidemia, visto che sono decisamente aumentati nell’arco di tre settimane, dai primi di novembre, quando i casi erano 100. E ad allarmare è anche la casa di riposo del paese, in via Bonfadio, che la scorsa primavera non aveva presentato nemmeno un caso.

Al contrario, come dà notizia il Giornale di Brescia, in questa seconda ondata è stata seriamente colpita, tanto che in tre settimane sono deceduti nove ospiti e di cui l’ultimo in ordine di tempo risalente a ieri.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.