Sabbio Chiese, discarica abusiva intorno al tiro al piattello illegale

Metalli pesanti e idrocarburi fino a 590 volte oltre il consentito nel terreno intorno all'impianto sportivo illegale.

(red.) Non solo quell’attività di tiro al piattello è illegale per il mancato rinnovo dell’autorizzazione, ma in più intorno al sito si è formata negli anni una vera e propria discarica abusiva con la presenza di metalli pesanti. E’ quanto avevano già scoperto i carabinieri forestali di Vobarno nell’agosto del 2019 a Selvapiana di Sabbio Chiese, in Valsabbia, nel bresciano, nel momento in cui avevano anche verificato che quell’impianto sportivo sarebbe dovuto sparire.

E’ rimasto funzionante per decine di anni all’inizio dell’attività e con tutti i permessi in regola, ma in seguito il mancato rinnovo ha portato a rendere clandestino quel sito. Il terreno circostante è di proprietà dei gestori dell’impianto, del Comune e di un altro privato e proprio qui, lungo un ettaro, erano stati trovati pallini di piombo e pezzi di piattelli mai raccolti. Per questo motivo i titolari erano stati denunciati per aver realizzato quella discarica abusiva.

In seguito i carabinieri hanno prelevato dei campioni di terreno fatti analizzare in laboratorio. E i risultati parlano della presenza di piombo, arsenico, vanadio, antimonio e idrocarburi fino a 590 volte oltre i limiti permessi. Per questo motivo i titolari hanno incassato anche la denuncia di inquinamento ambientale e ora dovranno occuparsi della bonifica del terreno.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.