Controlli sulle misure anti-coronavirus, scattano altre denunce

Sette operai sono partiti da Brescia con un furgone raggiungendo Molfetta, in Puglia. Ma sono stati scoperti.

Più informazioni su

(red.) I controlli più intensi adottati dalle forze dell’ordine per verificare il rispetto delle misure di contenimento non mancano mai di produrre risultati e denunce, anche con riferimento al territorio bresciano. Uno dei casi più eclatanti arriva da Molfetta, in Puglia. Sette operai originari della Regione e attivi nel bresciano avevano deciso di tornare nel sud nel momento in cui le aziende per le quali lavorano hanno chiuso per i motivi legati all’emergenza sanitaria. In un periodo, però, che vede il divieto di spostarsi tra Comuni, se non per motivi di estrema urgenza e necessità.

Si è scoperto che i sette erano partiti da Brescia a bordo di un furgone a noleggio per poi fermarsi a pochi metri dal casello dell’autostrada sull’A14 a Molfetta. Qui i primi due, seguiti dagli altri cinque, hanno poi raggiunto il centro a piedi. Ma le telecamere poste in zona hanno immortalato i loro movimenti e per tutti è scattata la denuncia e dovranno anche restare isolati per 14 giorni. In provincia di Brescia, invece, i carabinieri della stazione di Gambara hanno raggiunto un parco nel centro di Gottolengo perché c’erano tre ragazzi – due maggiorenni e un minore – intenti a fumare. Contro, quindi, la disposizione regionale che vieta assembramenti anche tra due persone. Tutti sono stati controllati e uno di loro, un maggiorenne, essendo lontano dall’abitazione, è stato denunciato.

Infine, altri due casi arrivano dalla Valsabbia. Lunedì pomeriggio 23 marzo un 60enne è stato fermato alla stazione degli autobus a Sabbio Chiese dicendo di andare a far visita alla sorella a Roé Volciano. Ma lui arrivava da Chiari e la donna in realtà abitava in Trentino. Per lui è arrivata una denuncia. Ieri, martedì, invece, un ragazzo di Vobarno è stato fermato dagli agenti della Polizia Locale mentre era a Vestone con altri amici e per un aperitivo. Anche qui sono scattate denunce.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.