Quantcast

Coronavirus, Gruppo Busi chiude gli stabilimenti

L'azienda spiega che lo fa per tutelare la salute dei 350 dipendenti.

Più informazioni su

(red.) Dopo l’uscita del Decreto Ministeriale dell’11 marzo 2020, il Gruppo BUSI, pur non facendo parte delle categorie commerciali per le quali è stata disposta la sospensione dell’attività, ha deciso autonomamente di procedere alla momentanea chiusura dei 3 stabilimenti, per tutte le società del Gruppo leader nella progettazione, produzione e commercializzazione di prodotti e sistemi innovativi per la raccolta, compattazione e trasporto del rifiuto (BTE SPA, MEC SPA, OMB TECHNOLOGY SRL).

 

Al fine di tutelare i 350 dipendenti e per garantire la maggior sicurezza possibile sul territorio, tutti gli stabilimenti, dislocati tra le province di Brescia, Cuneo e Torino, saranno chiusi per due settimane a partire da lunedì 16 marzo compreso. Particolari necessità o urgenze verranno valutate e concordate con i clienti direttamente interessati.
“Siamo consapevoli si tratti di una decisione forte” – dichiarano i fratelli Busi – “Ma necessaria, a nostro avviso, per salvaguardare i lavoratori e le loro famiglie. Un atto di responsabilità sociale che ci sentiamo di portare avanti in un momento delicato come questo.”

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.