Ancora incendi nel Bresciano: bruciano i boschi a Breno e Piancogno

Altro fronte dei roghi a Breno e Piancogno. Le fiamme hanno distrutto, in entrambi i casi, un ettaro di bosco.

(red.) Il fronte dei roghi in Valcamonica si è esteso: oltre agli incendi scoppiati a Demo e Sellero, tra mercoledì notte e giovedì 3 febbraio, focolai sono divampati anche a Breno, in località Disino, al confine con Niardo, e all’Annunciata di Piancogno, sopra il convento francescano.
Per entrambi il sospetto è che si tratti di eventi dolosi.

Il rogo che si è verificato in località Case bruciate di Breno è divampato attorno alle 22 di mercoledì, ma, dopo un primo intervento ad opera dei volontari di Losine, la mattina seguente ha ripreso vigore, complice anche il vento ed è stata necessaria una ulteriore opera di spegnimento e di bonifica. E’ bruciato circa un ettaro di bosco.
Analoga situazione sopra l’Annunciata dove sono intervenuti gli operatori di Piancogno, Ossimo, Lozio, Esine e Angolo: il rogo si è mangiato, anche in questo caso, un ettaro di terreno boschivo.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.