Quantcast

Breno, blitz antidroga dei carabinieri: sette in manette

Sgominata una banda di spacciatori che si riforniva nella bergamasca e che aveva realizzato una diffusa rete di pusher nella Bassa Valcamonica.

Più informazioni su

(red.) Chilogrammi di cocaina che dalla provincia di Bergamo erano destinati a rifornire numerosi clienti e acquirenti residenti in Valcamonica: in questo modo potrebbe essere riassunta l’operazione conclusa dai Carabinieri della Compagnia di Breno (Brescia), che nella mattinata di martedì 26 ottobre,  nell’ambito di un’attività investigativa coordinata dalla Procura della Repubblica – D.D.A. di Brescia, hanno smantellato un’organizzazione criminale formata principalmente da cittadini tunisini e marocchini, dedita al traffico e allo spaccio di importanti quantitativi di cocaina e hashish.

Sono in totale sette gli arrestati che facevano parte del gruppo, che vedeva i propri vertici operare nella provincia bergamasca.

Da loro si rifornivano due tunisini che erano invece il punto di riferimento dello smercio di droga nel territorio della bassa Valcamonica.

L’indagine nasce da alcuni controlli che, a inizio del 2021, erano stati eseguiti dai Carabinieri a Darfo Boario Terme sulla base di alcune segnalazioni di cittadini attorno alla presenza di alcuni giovani nordafricani che dimoravano in alcuni stabili abbandonati del comune termale.

In concomitanza alla loro permanenza in queste strutture si era intensificata la presenza di persone, anche di giovane età, che in maniera fugace si incontravano con gli stranieri a tutte le ore del giorno e della notte.

E’ emerso quindi che i due cittadini tunisini di 32 e 28 anni, entrambi pregiudicati, avevano reclutato dei giovanissimi connazionali, poco più che maggiorenni, irregolari sul territorio nazionale, che si occupavano dello spaccio al dettaglio di cocaina e hashish a favore di diverse decine di clienti della valle.

Smerciavano circa cento grammi di polvere bianca al giorno.

Il 32enne e il 28enne si servivano anche di due corrieri, un pregiudicato 52enne di Malonno e un 28enne di Capo di Ponte, cui era stato affidato il compito di andare a Bergamo dai fornitori e trasportare la droga fino a Darfo Boario Terme.

Per l’approvvigionamento della droga, i due tunisini si rivolgevano a un cittadino marocchino 37enne residente a Cavernago e a un suo connazionale di 34 anni di Urgnano, entrambi della bergamasca, i quali movimentavano svariati chilogrammi di coca e fumo al mese e che, non svolgendo alcuna attività lavorativa, vivevamo dei sostanziosi introiti della loro illecita attività.

L’indagine antidroga iniziata a febbraio 2021 e terminata nel mese di settembre, ha consentito complessivamente di arrestare in flagranza di reato 18 soggetti e sottoporre a sequestro penale 38 kg di hashish, più di 2 kg di cocaina e circa settantacinquemila euro in contanti.

 

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.