Quantcast

Lago d’Endine, chiusi i lavori per la ciclopedonale

(red.) Si sono conclusi sul Lago di Endine (Bergamo) i lavori per la riqualificazione e il completamento dei tratti di pista ciclopedonale intorno allo specchio lacustre. Le opere hanno riguardato tre comuni: a Endine Gaiano si è proceduto alla manutenzione ed al completamento del percorso nel canneto presso la località “I Carec”; a Ranzanico invece il progetto ha riguardato lavori di manutenzione straordinariadel tratto di percorso del lungolago e delle aree limitrofe, con l’abbattimento delle barriere architettoniche; infine, a Monasterolo del castello, si è dato vita alla riqualificazione spondale ed al ripristino del percorso a lago. In totale, gli interventi hanno avuto un costo di 673mila Euro, cofinanziati al 50 percento da Regione Lombardia – d.g.infrastrutture – e dalle tre amministrazioni interessate (310mila Euro su Endine Gaiano, 198.500 Euro su Ranzanico e 165.210 Euro su Monasterolo).
“Ancora una volta – ha sottolineato Alessio Rinaldi, Presidente dell’Autorità di Bacino Lacuale dei laghi d’Iseo, Endine e Moro – devo ringraziare i progettisti che hanno reso possibile gli interventi proposti dalle tre amministrazioni, e Regione Lombardia, che ha dato merito a questi progetti”. “Intervenire sul Lago di Endine è stato, e sarà, importante, sia dal punto di vista ambientale e della sicurezza, che da quello turistico: la zona è splendida, e merita di essere valorizzata anche attraverso questo tipo di opere, non invasive e rispettose dei luoghi in cui sono state effettuate”.

lago d'endine

Nel caso di Endine, il progetto – curato dall’ufficio tecnico comunale – ha visto la posa di una passerella in legno su cui i visitatori potranno passeggiare in tutta sicurezza e tranquillità, a completamento di un tratto già esistente. L’itinerario si inoltra nel canneto, ed attraversa una zona paludosa, in cui – anche grazie alla postazione di osservazione – è possibile praticare, tra le tante, anche l’attività di birdwatching. L’area in questione è importante anche dal punto di vista della presenza di anfibi – è l’esempio dei rospi bufo bufo, tritone crestato.
A Ranzanico – il progetto è stato redatto dallo Studio Arc di Casazza – è stata messa mano al percorso ciclopedonale già esistente, ma usurato dal tempo e dal passaggio. Nel contesto, sono stati posizionati alcuni tratti di staccionata e si è effettuato un recupero dei muri ammalorati, per permettere una fruizione sicura e, grazie all’abbattimento delle barriere architettoniche, accessibile a tutti.
A Monasterolo del Castello – il progetto è del team composto dall’architetto Maurizio Urbani e dagli agronomi Massimo Ranghetti e Federico Pelucchi – è stato completato il circuito di percorsi che dal centro storico del paese si diramano verso il lago e la collina: un intervento volto alla valorizzazione paesaggistica e naturalistica del territorio. In particolare, è stata effettuata una riqualificazione del tratto che dalla località Pòm prosegue in direzione della “Casa del pescatore”: in tutto, 600 metri di lunghezza a limite del lago.

lago d'endine
lago d'endine
lago d'endine

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.