Quantcast

Edolo, nuovi arrivi dall’Afghanistan

I 104 profughi arrivati sabato nella cittadina camuna lasceranno il posto ad altri connazionali trasferiti con l'ultimo volo del ponte umanitario "Aquila Omnia".

(red.) Nuovi arrivi alla caserma Belotti di Edolo dove sono ospitati 104 profughi afghani. a breve il primo gruppo di rifugiati lascerà il posto a nuovi cittadini in fuga dall’Afghanistan.

E’ quanto emerso nelle ultime ore dalla sede logistica di via Porro, guidata dal colonnello Leonardo Mucciaciaro: a breve dovrebbe arrivare l’ordine di trasferimento per i nuclei familiari giunti sabato scorso nel bresciano che verranno assegnati a nuova destinazione.

Da Kabul, nella giornata di venerdì 27 agosto, è partito l’ultimo volo  del ponte aereo umanitario tra l’Afghanistan e l’Italia iniziato a Ferragosto all’interno dell’operazione “Aquila Omnia”, con a bordo gli ex collaboratori del contingente Nato, a rischio ritorsioni dai parte dei talebani, i nuovi padroni dell’Afghanistan.
Il nuovo drappello di richiedenti asilo politico arriverà probabilmente all’inizio della settimana prossima.

Intanto, la macchina della solidarietà bresciana si è attivata e, nel pomeriggio di venerdì, un furgone degli alpini di Travagliato si è presentato ai cancelli di via Porro, scaricando una tonnellata di beni di prima necessità destinati alle famiglie afghane.

L’intervento si è svolto in coordinamento con la prefettura di Brescia e il comando della base logistico-addestrativa camuna.
Le penne nere, guidate dal capogruppo Lorenzo Ossoli, hanno recapitato cibo e vestiario nuovo, omogeneizzati, lenzuola e asciugamani: tutto il materiale è stato offerto da aziende della zona e dai negozi del territorio della Bassa bresciana.

La raccolta continua, in vista anche dei prossimi nuovi arrivi: per contribuire è possibile contattare il Comune di Edolo (ufficio Servizi sociali) al numero di telefono: 0364 773035. A Malonno, invece, è stata promossa una raccolta di cosmetici per le donne afghane (make-up, creme, doccia schiuma, shampoo) per contribuire alla quale è necessario telefonare al numero: 375 5489561.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.