Quantcast

Esondazione dell’Oglio, riaperta la statale 42 della Valcamonica

Massiccia mobilitazione in alta valle dei Vigili del Fuoco e della Protezione Civile. Per un territorio così fragile, sostiene l'Amministrazione provinciale, sono necessarie e prioritarie risorse regionali e nazionali.

(red.) Grazie al lavoro di tutte le forze in campo la SS42 è stata ripristinata già nelle primissime ore della mattina, dopo che nel tardo pomeriggio di lunedì 16 agosto una bomba d’acqua ha causato l’uscita del fiume Oglio dal suo letto in alta Valle Camonica, tra Edolo e Monno. La pioggia violenta e abbondante ha provocato l’esondazione del fiume che uscendo dagli argini si è riversato sulla Statale 42, rimasta chiusa per diverse ore per permettere lo sgombero dei detriti.
Ancora una volta il nostro territorio è stato duramente colpito, si legge in una nota diffusa dall’Amministrazione provinciale di Brescia sul maltempo e le esondazioni delle ultime ore. Le organizzazioni di volontariato della Valle Camonica si sono subito attivate e sono intervenute, a supporto dei Vigili del Fuoco, per garantire immediata operatività, anche al buio, con l’utilizzo di torri faro di profondità.
Numerosi automobilisti in transito sulla SS42 sono rimasti bloccati e per questo motivo i volontari della Protezione Civile, sei squadre provenienti dai paesi limitrofi (Edolo, Malonno, Sonico, Vione, Temù, Incudine), hanno allestito un punto di ricovero e assistenza, con distribuzione di brandine, coperte e bevande calde) presso la palestra delle scuole elementari di Edolo.
“Sono necessarie e prioritarie risorse regionali e nazionali”, ha dichiarato Antonio Bazzani, consigliere delegato alla Protezione Civile, “per un territorio estremamente fragile che, con gli eventi meteo eccezionali sempre più frequenti, ha bisogno di interventi che garantiscano sicurezza e collegamenti”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.