Quantcast

Coronavirus, a Edolo 200 bambini in quarantena. Bienno: chiuse le Poste

In Valcamonica si continua a monitorare la situazione. A Edolo uno screening di massa tra giovedì e venerdì.

(red.) La curva del contagio da nuovo coronavirus in provincia di Brescia continua da settimane a essere in calo, ma la situazione che deve essere tenuta costantemente monitorata riguarda la Valcamonica. Infatti, questo è al momento l’unico territorio nel bresciano che sta registrando un aumento dei contagi, soprattutto per una serie di comportamenti sbagliati e sopra le righe da parte dei cittadini di alcuni Comuni. In particolare, per una serie di feste di compleanno che sono state organizzate in barba a ogni regola.

Una delle situazioni più preoccupanti, riportata dal Giornale di Brescia, riguarda Edolo e il suo settore scolastico. Tanto che l’asilo, a causa del boom dei contagio, è chiuso da una settimana precedente a martedì 27 aprile, ma è stata stoppata anche la prima elementare, così come si segnalano chiusure di scuole e classi a Malonno e Corteno Golgi. Tanto che in tutta Edolo si segnalano più di 200 studenti costretti a restare in quarantena e insieme ai loro familiari. Per questo motivo il sindaco Luca Masneri ha annunciato che giovedì 29 e venerdì 30 aprile sarà allestito un centro di tamponi nella palestra della scuola elementare per uno screening totale sui bambini e a livello volontario.

Ad occuparsene saranno i medici delle Usca e con la gestione della Protezione Civile. L’obiettivo è capire quanti realmente siano i positivi e quindi risalire anche ai contatti stretti. Intanto a Edolo nel fine settimana appena trascorso si sono svolti una serie di controlli potenziati portando all’emissione di alcune sanzioni. Un’altra situazione particolare in Valcamonica è quella di Bienno dove il contagio sta migliorando. Tuttavia, si è reso necessario anche chiudere l’ufficio postale dopo che gli operatori sono risultati positivi. I locali sono stati quindi sanificati in vista di riaprire. A livello comunale si contano circa 60 positivi e altrettanti in quarantena, mentre quasi una decina sono ricoverati in ospedale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.