Quantcast

Vaccino anti-Covid over 80, dosi a domicilio in Valcamonica e Franciacorta

L'8 aprile per i residenti di sei Comuni di montagna. Oggi in Franciacorta. 15 mila bresciani non hanno ancora aderito.

(red.) Un mezzo di supporto in Valcamonica a favore dei residenti più anziani di sei Comuni e impossibilitati a muoversi per raggiungere i centri vaccinali più vicini. Ma anche il servizio a domicilio per altri over 80 nel territorio dell’Asst della Franciacorta e appuntamenti per una vasta platea, sempre di ultraottantenni, che non hanno aderito alla campagna di vaccinazione o non sono ancora stati convocati. Queste le persone che saranno interessate subito dopo Pasqua a ricevere la loro prima dose di vaccino per poi essere allertati, circa un mese dopo, anche per il richiamo. Considerando che l’obiettivo della Regione Lombardia è di vaccinare proprio gli over 80, almeno con la prima dose, entro domenica 11 aprile.

Andando per ordine, a partire dal 6 aprile dalla provincia di Como e facendo tappa giovedì 8 aprile in Valcamonica, si muoverà un mezzo di supporto per gli over 80 residenti nelle zone di montagna e che fanno fatica a raggiungere i centri vaccinali. Il mezzo è stato messo a disposizione da Areu per aiutare i medici di medicina generale e sarà allestito all’esterno del Centro eventi Adamello di Vezza d’Oglio. Si parla di circa quaranta dosi che verranno somministrate dagli stessi medici, già equipaggiati, raggiungendo a domicilio Monno, Incudine, Vezza, Vione, Temù e Ponte di Legno. Saranno quattro i medici di famiglia coinvolti, due quelli delle Usca, un dottore in formazione e un’infermiera. Ci saranno le siringhe già pronte e il materiale per la somministrazione e un kit di prima emergenza. Questa attività, come detto, è partita da Areu e coinvolge l’Ats della Montagna, le Asst, gli enti locali e la Protezione civile.

Già nella giornata di oggi, sabato 3 aprile, invece, saranno interessati dalla vaccinazione 180 ultraottantenni residenti nel territorio dell’Asst Franciacorta e che per motivi di salute non possono raggiungere i centri vaccinali. Tutti, residenti tra Iseo, Cortefranca, Marone, Monticelli Brusati, Paratico, Paderno Franciacorta, Passirano, Provaglio d’Iseo, Sale Marasino, Sulzano e Zone riceveranno la prima dose di Moderna.

Infine, c’è una vasta platea di quanti non hanno ancora aderito alla campagna oppure si sono prenotati e non hanno ancora ricevuto l’appuntamento. Come ha già annunciato l’assessore lombardo al Welfare Letizia Moratti, questi over 80 potranno recarsi al punto vaccinale più vicino e con la tessera sanitaria e un documento di identità dal 7 all’11 aprile senza dover prenotarsi. E quelli che facessero fatica possono rivolgersi al proprio medico di famiglia o chiamando il numero verde 800.894545 per ricevere la dose a domicilio. In questa platea sono 15 mila gli anziani bresciani coinvolti che non hanno aderito e 5 mila quelli ancora in attesa di essere vaccinati.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.