Quantcast

Malegno, durante i lavori in casa emerge una bomba da sotto terra

Sabato i familiari di un deceduto stavano svolgendo dei lavori scoprendo l'ordigno a mano, poi fatto brillare.

(red.) L’altro giorno, sabato 20 marzo, a Malegno, in Valcamonica, nel bresciano, si è reso necessario l’intervento dei carabinieri di Breno, ma anche degli artificieri, dopo aver scoperto una bomba a mano emergere dalle profondità. I parenti di un familiare deceduto avevano raggiunto quell’abitazione ormai vuota e per svolgere alcuni lavori.

A colpi di badile, hanno poi urtato qualcosa che hanno disseppellito, scoprendo che si trattava di una bomba a mano risalente alla seconda guerra mondiale e ancora funzionante. A quel punto i familiari non hanno potuto fare altro che allertare i militari e quindi anche gli artificieri da Milano che hanno raggiunto il posto.

La zona è stata prima messa in sicurezza, poi l’ordigno è stato portato in una cava a Cividate Camuno dove è stato fatto brillare in tutta tranquillità. Di certo si è rischiato visto che la zona dove è stata scoperta la bomba era stata anche interessata da un incendio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.