Bienno, Domenico Carrara trovato privo di vita

Del 33enne bidello si erano perse le tracce dopo che, domenica 24 gennaio, era uscito per una passeggiata nei dintorni del suo paese.

(red.) E’ stato purtroppo ritrovato privo di vita alle 13,30 circa della mattina di venerdì 29 gennaio il corpo di Domenico Carrara, il 33enne bidello di Bienno del quale si erano perse le tracce da domenica 24 gennaio, dopo che era uscito per una passeggiata nei dintorni del suo paese, in Valcamonica.
Le squadre di ricerca che avevano mobilitato centinaia di uomini e tre elicotteri, stavano setacciando da cinque giorni tutta la zona e la prima traccia ad essere individuata è stata una giacca per terra in località Val Degna, tra gli abitati di Prestine e Bienno, poco distante da un sentiero in prossimità dell’agriturismo Prestello. Alcune decine di metri più in basso si trovava il corpo senza vita, del quale sono iniziate subito le operazioni di recupero.

Bienno Cnsas Soccorso alpino

L’ultimo avvistamento aveva segnalato Domenico Carrara lungo la strada che va verso il Cerreto; secondo una prima ricostruzione, avrebbe poi intrapreso il percorso che sale verso il Passo Crocedomini.
Venerdì mattina una squadra di tecnici esperti, preparati per affrontare terreni molto impervi e di difficile accesso appartenenti alla V Delegazione Bresciana del Cnsas (Corpo nazionale Soccorso alpino e speleologico), insieme con i Saf – Vigili del fuoco, ha individuato prima alcuni oggetti e poi il corpo immobile del ragazzo, in fondo a un precipizio di una cinquantina di metri.

Bienno Cnsas Soccorso alpino

Per raggiungerlo hanno dovuto effettuare una serie di calate con le corde perché la zona è molto impervia, inaccessibile dall’alto. Il ragazzo era steso a terra e il medico arrivato sul posto con l’elicottero di Brescia Areu (Azienda regionale emergenza urgenza) ne  ha constatato la morte.
Il magistrato ha disposto il nulla osta per il recupero: il corpo di Domenico è stato portato nella piazzola dell’ospedale di Esine e poi in camera mortuaria.

Bienno Cnsas Soccorso alpino

Da domenica mattina sono state messe campo 144 squadre di ricerca e soccorso per un totale di circa 300 operatori dei vari enti intervenuti, con il centro operativo presso la sede del Comune di Bienno, che ha messo a disposizione la parte logistica.
Alle ricerche hanno partecipato il sindaco di Bienno Massimo Maugeri, i tecnici di Csnas, Vigili del Fuoco, SaGf, Carabinieri, Gruppi di protezione civile, volontari e conoscitori del territorio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.