Piancogno, picchiatore recidivo sulla fidanzata: finisce in carcere

Per cinque volte in otto mesi l'aveva mandata in ospedale. E non aveva rispettato il divieto di avvicinarsi a lei.

(red.) Nei giorni precedenti a lunedì 28 dicembre un giovane tunisino di 26 anni, irregolare in Italia e con precedenti per spaccio di sostanze stupefacenti, è stato arrestato in Valcamonica, nel bresciano, per maltrattamenti in famiglia e lesioni. In particolare, ai danni della compagna quasi coetanea che per cinque volte nell’arco di otto mesi è finita in ospedale per medicarsi le ferite riportate nelle violenze.

Nei primi quattro casi, dopo essere uscita proprio dagli ospedali, non aveva mai voluto spiegare cosa le era successo. Ma nel quinto e ultimo caso è riuscita in qualche modo a confessare, inducendo i medici ad allertare i carabinieri della stazione di Artogne che hanno indagato. Su richiesta del magistrato, avevano notificato un divieto di avvicinamento alla donna da parte del 26enne, ma durante un controllo a Piancogno, in casa, hanno trovato ancora lui con la fidanzata.

Anche perché lei non aveva mai avuto il coraggio di denunciarlo. Un atteggiamento, quello di violenza ai danni della donna, spesso indotto dal consumo di droga che lui faceva. Una situazione che ha portato poi i carabinieri ad aggravare la misura, portando il giovane tunisino dietro le sbarre di una cella a Canton Mombello a Brescia e in attesa della convalida del fermo. Tra l’altro sempre lui, ma anche la fidanzata, erano già finiti nel mirino delle forze dell’ordine in occasione del primo lockdown e dopo che i due erano stati sorpresi a spacciare cocaina.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.